OLII ESSENZIALI: AVVERTENZE, USI & PRECAUZIONI

Gli olii essenziali si ottengono per la maggior parte da distillazione (lavanda, geranio, rosmarino…) in pochi casi da estrazione con solventi (fiori delicati come gelsomino che con il calore perderebbero tutto il profumo), e nel caso degli agrumi per spremitura delle bucce.


Sono sostanze molto concentrate, da maneggiare con cura e attenzione. Il fatto che siano sostanze naturali non significa che siano sicure: sono potenzialmente tossici se non si rispettano le precauzioni d’uso, che consistono nel diluirli sempre secondo le percentuali raccomandate, in quanto sono irritanti ad alta concentrazione.

Gli olii essenziali hanno un'alta facilità di penetrazione attraverso la pelle .

Devono essere conservati al buio (chiuse in un armadietto, e nella loro scatolina di cartone) e al fresco, gli OE di agrumi, più delicati, vanno conservati in frigo.




Oli essenziali fototossici
Cioè quegli olii essenziali che applicati sulla pelle prima di un’esposizione solare possono produrre forti eritemi e macchie scure indelebili.

Olii da NON usare al di sopra del limite indicato. La pelle non deve essere comunque esposta al sole o a raggi UV per almeno 12 ore dopo l’utilizzo.

Angelica radice (0.78%) - Arancio amaro (1,4%) - Bergamotto (0.4%) - Calendula (0.01%) - Cumino (0.4%) - Lime (0.7%) - Limone (2%) - Petitgrain di Mandarino/Citrus reticulata (0.168%) - Pompelmo (0.4%) - Ruta (0.15%)

Olii moderatamente fotosensibilizzanti
Carvi - Verbena odorata

Oli essenziali irritanti
Ossia quegli OE che a concentrazioni più o meno alte possono irritare la pelle.

Basilico, Cannella corteccia, Ginepro, Limone e agrumi in generale, Lemongrass, Menta, Pepe nero e tutte le spezie piccanti in generale, Pino,Timo.

Oli essenziali in gravidanza

Concentrazione massima consentita per il corpo: 0.5%, cioè 12-15 gocce su 100 ml.

Oli essenziali consentiti 
bergamotto, camomilla, gelsomino, geranio, incenso, lavanda, mandarino, pompelmo, patchouli, petit grain, rosa, sandalo, vetiver, ylang ylang.

Oli essenziali da evitare nei primi quattro mesi di gravidanzaangelica, finocchio, legno di Cedro dell'Atlante, menta, rosa, rosmarino,

Oli essenziali da evitare per tutta la gravidanza
anice, basilico, canfora, cannella, cedro rosso, cipresso, citronella chiodi di garofano, citronella, coriandolo, cumino, ginepro, issopo, maggiorana, mirra, noce moscata, rosmarino, salvia sclarea, salvia officinale, semi di sedano, timo, tuia, verbena.

Per il viso meglio evitare tutti gli OE fototossici (agrumi) in quanto potrebbero aiutare a sviluppare melasma gravidico.

In età pediatrica evitare gli oli essenziali di: assenzio, basilico, canfora, cedro, cumino, eucalipto,
rosmarino e salvia.

Olii Essenziali consigliati x Tipo di pelle

Pelle normale
camomilla, rosa, geranio, gelsomino, ylang ylang, neroli, sandalo, arancio, incenso, lavanda.

Pelle grassa
bergamotto, limone, lavanda, cipresso, ginepro, mirto, arancio, cedro, citronella, rosmarino, incenso, sandalo, menta, eucalipto, ylang ylang, benzoino, tea tree.

Pelle secca
camomilla, sandalo, patchouli, gelsomino, geranio, neroli, rosa, ylang ylang, salvia sclarea.

Pelle matura
incenso, sandalo, neroli, gelsomino, benzoino, patchouli, mirra, rosa, lavanda, arancio, ylang ylang, limone.

Oli essenziali contro la cellulite
- oli con proprietà disintossicanti: angelica, geranio, ginepro
- oli con proprietà diuretiche: finocchio, mandarino, pompelmo, rosmarino
- oli con proprietà decongestionanti: patchouli, lavanda
- oli con effetti stimolanti per la circolazione: limone, cipresso, sandalo, pino silvestre


Indicazioni sulla miscelazione e il dosaggio degli oli essenziali
Raggruppando alcuni oli essenziali con caratteristiche convergenti, si possono creare molteplici miscele personalizzate
Una miscela è composta generalmente da oli essenziali di base (B) 20%,
oli essenziali di cuore (C) 10%, di oli essenziali di testa (T) 70%.
Creata la miscela in modo equilibrato (tonda), occorre lasciarla riposare per alcuni giorni.
Quasi tutti i libri di aromaterapia riportano ricette con il dosaggio indicato, generalmente in gocce, più raramente in ml. A tal scopo ricordarsi che: 20 gocce equivalgono a 1 ml circa

Gli oli essenziali si possono utilizzare sia per la cosmesi, sia per combattere molti disturbi di varia natura

-Per il corpo:2-2.5%.
Normalmente ci vogliono 25-30 gocce di olio essenziale per ottenere 1 ml, quindi per un olio da massaggio per il corpo utilizzeremo 98 ml di olio vettore e 50-60 gocce di OE; in caso di trattamenti particolari e localizzati (un olio per trattare una micosi ad esempio) si possono anche aumentare le dosi fino al 5%.

-Per il viso: 0.5-1%.
Alcuni OE molto profumati, come rosa, gelsomino o ylang ylang non hanno bisogno di dosaggi così elevati, ne basta una goccia su 50 ml di crema o di olio.

-Maschere viso:
4 gocce nella dose che serve per un trattamento.

-Trattamenti per unghie:
20 gocce di OE di limone in 5 ml di olio di oliva

-Profumi:
Per 10 ml di olio di jojoba o alcol, 20 gocce di essenze; 10% complessivo

-Massaggio:
Per sfruttare le proprietà di un'essenza mediante il massaggio se ne diluisce circa il 3% in un olio di base (olio di germe di grano o di Mandorle dolci). Una diluizione al 20% di gocce in 100 ml di olio di base è consigliabile per fare massaggi contro dolori reumatici o muscolari. Per un effetto distensivo e antistress possono invece bastare 20 o 30 gocce. Oppure in 1 cucchiaio di olio base 5-6 gocce per un massaggio.

-Impacchi:
Fare impacchi utilizzando un olio essenziale adatto è utile in caso di infiammazioni, contusioni, emicrania o mal di denti. A seconda dei casi gli impacchi possono essere fatti con acqua calda o fredda.

-Inalazioni:
Risultano molto utili per curare sinusiti e malattie da raffreddamento. Si mettono in un recipiente di acqua bollente alcune gocce di olio essenziale, si copre il capo con un asciugamano, e si inspira profondamente. Possono altresì essere utilizzati ponendo alcune gocce dell’essenza in una apposita lampada brucia aromi posta nell’ambiente nel quale ci troviamo.

-Irrigazione:
Si aggiungono da 5 a 10 gocce di essenza all'acqua dell'irrigazione e si procede come di consueto. Danno ottimi risultati in caso di disturbi del l'area urogenitale femminile.

-Bagni:
Aggiungendo 10-15 gocce di olio essenziale all'acqua della vasca e immergendosi per almeno un quarto d'ora si ottengono benefici per le malattie della pelle, per lo stress e, l'insonnia.

L’olio essenziale può anche essere diluito precedentemente in 2-3 cucchiai di miele, panna, argilla, sale…

-Tonici per la pelle:
Si aggiungono 5-6 gocce di essenza a 100 ml di acqua distillata e la si usa la sera, picchiettando la pelle con un batuffolo di cotone idrofilo.

-Uso interno:
Gli oli essenziali per uso interno vanno assunti con miele o zucchero. Data però la loro concentrazione elevata di principi attivi è opportuno utilizzarli con il consiglio di uno specialista in aromaterapia.



AVVERTENZE 

Gli oli essenziali sono altamente infiammabili. Non lasciarli incustoditi in presenza di bambini. Tenerli quindi lontani dalla portata dei bambini, potrebbero se ingeriti (sono riportati casi in letteratura di ingestione di 10 ml o anche più di olio essenziale) risultare anche mortali.

È molto importante sapere in quali dosi devono essere utilizzati gli oli, e ricordarsi che sono un prodotto prezioso e altamente concentrato.

Non vanno applicati puri sulla pelle.

In tutti i casi fare la prova di allergia:
Diluire 1 -2 gocce in un cucchiaino di olio vegetale, e poi applicare nella piega del gomito e attendere 24 ore.
In caso di reazione cutanea non usare quest’essenza in bagni, oli per massaggi e profumi.

Le essenze di basilico, canfora, eucalipto e finocchio dolce NON devono essere somministrate ai bambini.

Le essenze di canfora, finocchio dolce, issopo, rosmarino e timo sono controindicate in caso di epilessia.

Le essenze di arancio, basilico, bergamotto, finocchio dolce, limone, menta piperita, origano e rosmarino possono causare sensibilizzazione.

Le essenze di camomilla, canfora e menta piperita possono diminuire l'efficacia dei trattamenti omeopatici.


Post preso da "SaiCosaTiSpalmi" e rielaborato da me.
Non sono un medico quindi non prendete tutto per oro colato.....(inteso per tutti gli articoli e non solo questo)
Se manca qualcosa oppure trovate qualche imprecisione, sarò felice di modificare l'errore con il vostro aiuto.